COMUNICATO STAMPA

31 MARZO 2006

Cronaca di Genova

 

A.M.I = Automobilisti  Molto  Inc….ti !!

 

“LASCIATE L’AUTO A CASA E PRENDETE IL BUS!”

 

SOPPRESSA LA LINEA 15 NERVI – CARICAMENTO

PREVISTO AUMENTO DEL BIGLIETTO DEL BUS.

 

E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PAGANO 1000 EURO PER PARCHEGGIARE, COME UN GRANDE AUTONOLEGGIO

 

“La sperimentazione della Blu area ha dato i suoi frutti: pagheremo caro, pagheremo tutti. Chi più, chi meno,” aggiunge Anna Massone, Presidente del Codacons Liguria e del Codacons Sez. Liguria. “Dopo le proteste dei residenti, i ricorsi, le manifestazioni degli esercenti che rischiano di dovere chiudere, ecco la ciliegina sulla torta: le associazioni di volontariato ONLUS che hanno la sede nella Blu Area ed hanno la sfortuna di possedere un mezzo di trasporto devono contribuire con 80 euro mensili se vogliono illusso’ di parcheggiare in zona e non a 3-4 chilometri di distanza. Il che significa, per un’associazione di volontariato senza scopo di lucro che già deve pagare affitto, spazzatura inesistente, bollette e spese sempre crescenti, chiudere la sede definitivamente o trasferirsi in campagna… Nessuna considerazione per gli scopi sociali dell’attività, per i servizi che sono forniti gratuitamente alla cittadinanza. Se hai  un veicolo munito di quattro ruote sei comunque colpevole e devi pagare anche tu la maximulta annuale di circa 1000 euro per parcheggiare dove ti sarà gentilmente concesso da A.M.I. E’ pazzesco! Regolamentare una materia così delicata senza prevedere aggiustamenti e deroghe! Al massimo si potrebbero chiedere 25 euro come ai residenti. Invece, le associazioni sono fortemente penalizzate anche più dei commercianti, non foss’altro perché questi ricavano almeno un utile.”

Ma Anna Massone rileva anche che: “Nel piano di MErella è previsto il potenziamento del servizio pubblico. Ed infatti sappiamo già che molte altre linee saranno aggiunte, ma anche soppresse, penalizzando, guarda caso, il levante. Dopo la rivoluzione del 41/42/43, una vera e propria guerra che ha lasciato sul campo tante vittime che hanno rinunciato ad andare in centro per sempre, ecco la soppressione del 15 Nervi-Caricamento. Ci giungono già centinaia di segnalazioni dal levante per il problema del trasporto pubblico: autobus pieni, attese di 15-20 minuti (quando non sono di 40 e magari sotto la pioggia con il vento che penetra nelle ossa), assenza di parcheggi di interscambio. Ma noi rispondiamo sereni che Merella ha previsto due punti di distribuzione automatica di biciclette. Esultate: presto le nostre nonne potranno andare in bici con l’ombrello, le sportine della spesa e le gonne svolazzanti come tante Mary Poppins!”

 

 

INFOSTAMPA 010 59 58 259