Casella di testo:  
COORDINAMENTO DI  ASSOCIAZIONI  PER LA TUTELA DEI  DIRITTI DEGLI UTENTI E  CONSUMATORI

 


" ANNA MASSONE "( Voglio Vivere )Associazione
                                                                                  Casella di testo: Presidente Anna Massone

                                      .-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

 

Casella di testo: Tel. 010/8687811  Fax. 010/5304595  Cell. 339-7518137
Via Rimassa 70-4 16129 Genova
E-mail: vogliovivere@vogliovivere.it   www.vogliovivere.it

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 23 settembre 2005

Cronaca Nazionale Sportiva

 

PALLONE A CENTRO CAMPO !!

LA PARTITA GIUDIZIARIA DEL GENOA

RICOMINCIA SOTTO UNA BUONA STELLA

 

“Il pallone è di nuovo a centro campo e la partita giudiziaria del Genoa sembra essere ricominciata sotto una buona stella”, così commenta Anna Massone, Presidente Nazionale di Voglio Vivere e del Codacons Liguria. “Oggi è stata divulgata la notizia che la procura ha sequestrato i documenti processuali della Federcalcio prodotti innanzi ai giudici Vigotti e Martinelli e si è aperto un fascicolo  per falso in atto pubblico e frode processuale. Ed infatti, per quanto ne so io, non solo è stato sconcertante il comportamento della CAF nel corso del famoso dibattito con i bigliettini, ma ancor più sconcertante il susseguirsi di procedure in violazione alla legge, come l’utilizzo delle intercettazioni al di fuori del contesto per il quale erano state autorizzate, il mancato rispetto del diritto ad un giusto processo con un giudice equo e dove non sia gravemente compromesso il diritto di difesa. Per ultimo, l’altrettanto famosa sentenza del 18 agosto 2005 nella quale il giudice Vigotti inspiegabilmente dichiara la sua incompetenza, mentre una settimana prima era di avviso completamente diverso”.

Ma Anna Massone intende “bacchettare” anche molti mass-media che pare abbiano dato risalto alla notizia della retrocessione del Genoa, senza analizzare puntualmente le vicende processuali. “Si è ripetuto che c’era stata una combine, che il Genoa aveva  pagato il Venezia e che i dirigenti della squadra erano stati così fessi dal prelevare i soldi dalla contabilità ufficiale e non ad esempio da fondi neri (?). Era giusto, quindi, che il Genoa fosse retrocesso in C e che pagasse per il grave illecito sportivo. Dunque, travisamento dei fatti e tam-tam da bar di periferia. Mi auguro che adesso i mass-media diano lo stesso risalto alla verità che a poco a poco dovrà emergere. Nell’attesa, continuiamo a ricevere richieste di risarcimento danni ed invitiamo ancora tutti ad attivarsi per partecipare alla nostra iniziativa scrivendo una e-mail al codaconsliguria@vogliovivere.it o telefonando al numero 010 59 58 259”.

 

Chiediamo gentilmente ai giornalisti che pubblicheranno di riportare il nostro indirizzo e-mail e numero di telefono per permettere agli utenti di contattarci, in quanto a causa di un grave disguido non siamo presenti sull’elenco telefonico.

Infostampa  010-5958259