COMUNICATO STAMPA

 

19 Novembre 2004

Cronaca della Liguria

LA PIAGA DELL'ALCOL TRA I GIOVANI:

DENUNCIATI ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI GENOVA MIGLIAIA DI BAR E LOCALI PER VIOLAZIONE DELL'ART. 689 DEL CODICE PENALE CHE VIETA LA SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE ALCOLICHE AI MINORI DI ANNI 16

CHIESTO IL SEQUESTRO NELLA REGIONE DI MILIONI DI CONFEZIONI DI BIBITE ALCOLICHE TRAVESTITE DA INNOCUE BEVANDE

IL CODACONS DA MESI CHIEDE ALLA REGIONE LIGURIA UNA CAMPAGNA DI INFORMAZIONE NELLE SCUOLE PER I GIOVANI

L'art. 689 del codice penale punisce con la pena pecuniaria da 516 a 2.582 euro o la pena della permanenza domiciliare da 15 giorni a 45 giorni e la pena accessoria della sospensione dell'esercizio, l'esercente che somministra in un locale pubblico bevande alcoliche ai minori di anni 16. Per bevanda alcolica, ai sensi della Legge 125/2001, si intende ogni prodotto contenente alcol con gradazione superiore a 1,2 gradi.
Tuttavia esistono in commercio una serie di bevande alcoliche travestite da innocue bibite (per fare alcuni esempi: Bacardi Breezer, Smirnoff Ice, Campari Mixx, ecc.) a gradazione comunque molto elevata compresa tra i 5 e i 6 gradi, ossia il 500% in più del limite fissato dalla legge per le bevande analcoliche. Tali bevande - che avendo gradazione superiore a 1,2 gradi sono per legge considerate alcoliche - sono dirette proprio ad un pubblico giovanile, attratto dalla forma stessa delle bottiglie, dal colore, dal gusto fruttato, ecc.
Queste bibite risultano molto diffuse anche nella LIGURIA e richieste dai giovani della regione. La loro somministrazione è si vietata ai minori di anni 16, ma ciò sembra non rappresentare un ostacolo per bar e locali che continuano a somministrarle comunemente ai minori anche di 13 o 14 anni, violando le norme vigenti.
Per questo il Codacons ha presentato già il 15 maggio di quest’anno un esposto alla Procura della Repubblica di Genova contro migliaia di bar e locali della Regione in cui si chiede di accertare la violazione dell'art. 689 del codice penale e il sequestro di milioni di confezioni di bibite alcoliche illegalmente somministrate ai minori di anni 16.
L'associazione ricorda che in base agli ultimi preoccupanti dati il consumo di alcol nel mondo giovanile in Liguria, è cresciuto negli ultimi tempi tra il 5 e l'8%. Per questo il CODACONS chiede nuovamente alla Regione di avviare una campagna di informazione nelle scuole per far conoscere ai giovani i rischi connessi al consumo di alcool e limitare quella che è diventata una vera e propria piaga sociale.
Analogo esposto è stato inoltrato a 101 Procure della Repubblica di tutta Italia.

Presidente Codacons Liguria

                                                                                                         Anna Massone

 

 

Infostampa  010-5958259     340-4082830