COMUNICATO STAMPA

 

17 Novembre 2004

Cronaca della Liguria

ANATOCISMO: L’OMBUDSMAN BANCARIO E’ UN ORGANISMO DI PARTE CHE NON GARANTIREBBE I CLIENTI

 

In merito a una soluzione pasticciata della questione relativa all’anatocismo che secondo alcune associazioni dei consumatori potrebbe essere affidata al praticamente defunto ombudsman bancario, il Codacons Liguria oppone il suo netto rifiuto per una soluzione che non garantirebbe affatto i clienti.
“L’ombudsman bancario – fa sapere la Presidente di Codacons – non è una struttura super partes perché costituita da soli rappresentanti delle banche e da nessun portavoce dei clienti bancari e per questa ragione negli anni è andato in disuso. Affidargli la risoluzione della questione equivale a chiedere all’oste se il vino è buono”.
Codacons
, che ha portato avanti la battaglia e ottenuto la vittoria in Cassazione, non esclude ed anzi auspica una soluzione con le banche, ma questa non dovrà mai mettere in discussione il risarcimento totale degli aventi diritto ne’ scavalcare le decisioni della Cassazione.
“Siamo disponibili a incontrare gli istituti di credito per trovare una soluzione equa alla questione dell’anatocismo, come del resto già avvenuto con alcune banche per le vicende dei crack finanziari. Questa apertura però parte da una sentenza della Cassazione che non dà adito ad interpretazioni. Pertanto il diritto ai risarcimenti dovrà essere il punto di partenza di un percorso comune che, se non rispettoso dei clienti, non può che svoltare per la via giudiziaria”.

 

                                                               Responsabile Ufficio Stampa Codacons Liguria

                                                                                                                                             Alba Marchesani

 

 

Infostampa  010-5958259     340-4082830