COMUNICATO STAMPA

 

27 Ottobre 2004

 

RISCOSSIONE COATTIVA

 

Il Codacons Liguria rende noto che da alcuni associati sono stati denunciati fatti

certamente gravi in merito a cartelle esattoriali e conseguente

riscossione coattiva con pignoramenti di immobili anche per somme esigue.

In particolare è stato rilevato

che vengono applicati interessi in misura errata, anche su somme già corrisposte dal contribuente oppure vengono  inserite nella riscossione cartelle già pagate.

Ciò che emerge e che fa sorgere dubbi è il fatto che le somme non dovute risultano tra i 100.00 e i 200.00 euro della somma totale non pagata e ciò scoraggia il contribuente a procedere legalmente in quanto le spese di una procedura risultano maggiori delle somme non dovute al Concessionario.

Poiché tale fatto è stato riscontrato  in diversi casi non vorremmo che gli errori fossero non casuali a discapito dei consumatori i quali sono disincentivati a proporre azione avverso gli stessi sul presupposto che conviene maggiormente pagare 100.00 o 200.00 euro non dovuti piuttosto che affrontare i costi di un procedimento.

 

La Presidente del CODACONS LIGURIA , Anna Massone, ritiene assai  strano che per la Provincia ed il Comune di Genova sia stato affidato alla società ‘GEST LINE S.p.A.’ con sede a Napoli il servizio riscossioni anziché affidare lo stesso ad una società genovese o ligure e chiede che vengano fornite spiegazioni in merito a tale scelta da parte di chi di competenza.

                                                                                             

                                                                       Responsabile Ufficio Stampa Codacons Liguria

                                                                                                         A. Marchesani

 

 

Infostampa  010-5958259     340-4082830