Il negozietto giuridico

Stampa

E-mail

 

Scritto da Redazione   

venerdì 22 dicembre 2006

ImageLeggiamo su “Gente” che a Genova l’avvocatessa "omissis" ha aperto in una via del centro storico un “negozio giuridico”, dedicato a chi, senza spendere moltissimo, vuole una parola veloce, deve togliersi un dubbio di tipo legale o ha la necessità di avere una consulenza senza prendere appuntamento in uno studio di avvocati. A lato la foto della medesima avvocatessa, all’interno, sembra del “negozietto”.
Non si capisce bene se “negozietto giuridico” sia parola usata per un suo preteso valore ironico per l’ambivalenza di “negozio” con il termine elaborato con tutt’altro significato da fior di giuristi, o sia ritenuta, la meglio adatta in sè nella totale ignoranza (da parte del giornalista) dell’esistenza del concetto trasmessoci dai romani, a rappresentare la grazia del localino genovese. Si direbbe che questa sia un primo esempio piuttosto fantasioso e sensazionale della “liberalizzazione” alla bersanesca della professione forense.
Quasi contemporaneamente leggiamo sul “Giornale” che al numero 892007 del Codacons i consumatori possono chiamare per prendere il solo appuntamento senza ricevere alcun tipo di risposta adeguata alla tariffa
un euro e 50 centesimi al minuto + IVA + 10 centesimi alla risposta il tutto pi+ IVA. Pare che sia tale e quale la tariffa dei vari telefoni erotici. A lato la foto dell’Avv. Rienzi presidente del Codacons, è da ritenere, anch’esso nel suo “negozietto”, anzi, negozione, con tanto di codici, bandiera del Codacons, paletta ferma traffico in mano.
Che la “liberalizzazione Bersani” comporti cadute di stile può darsi. Che proprio noi si debba aprire un dibattito su aspetti di un nuovo stile forense e di un nuovo “preziario liberalizzato”, manco a pensarlo. Vale piuttosto la pena di prendere atto che una avvocatura a gettone è perfettamente in linea con una sua giustizia che pretende di risolvere il problema della propria inconcludenza con la ricetta della sommarietà. Leggete il programma di Mastella (cioè dei magistrati del Ministero di Mastella esposto ai magistrati del C.S.M.) con quel che contiene sui parametri di valutazione del lavoro dei magistrati, pensate a quale avvocatura sarebbe la più adatta per esercitare (si fa per dire) le proprie funzioni di fronte ad una magistratura così strutturata e vi troverete ad ipotizzare avvocati di negozietti e negozioni. Giuridici finchè sarà possibile e finchè la pratica eliminerà l’aggettivo, per “snellire” anche le denominazioni.

Articolo 21  rassegne@articolo21.info   Rassegna stampa